Latest Entries »

What  happens when you take people from more cultures, take them to a hotel and give them means to know each other? It would have been hard to answer, had we not been there to witness it ourselves. But now, because we have reached the end of this intercultural trip, we think we have a proper answer to a question that would seem hard, even rhetorical. 

Everybody knows that ice-breaking games often don’t make people friends with each other on the spot, so something else h

ad to be done. By the advice of a Youth Leader, we created tickets with a different shapes that we drew before each meal and thus, we mingled during lunch and dinner, socializing and getting to know each other much better (even though Mostafa always got the square). The results were seen immediately. 

With a number of non-formal activities, the group became stronger, cohesive, united and overall more open-minded, leading to its preparation for the next type of activities: artistic workshops, including African dance and social theatre. 

For those who had never seen a piece of choreography from an African dance, the moves would appear very strange, unnatural, even impossible and you start to wonder what kind of devil invented those moves. But as you get into knowing the moves, following Soraia for almost five hours, you recognize patterns from modern dances (and that’s not because African dance copies modern dance, but it’s the other way around), you realize that the moves come naturally, they are imprinted in our instincts and follow the body physics. Thus, what seemed strange and different to us became something we did and do with pleasure and after a while, we will remember these moments with pleasure. Com dell'Int 187

Just as the African dance would seem strange for dancers, social theatre would seem strange for usual actors and that is just because this type of theatre addresses a different type of problems. What matters is not the performance itself, but rather the process of getting to do the performance and even more, show the spectators what we’ve been doing for the past 10 days exactly the way it happened. 

And the way it happened was an unusual way. The moves and feelings it arose were rather weird and somewhat unnatural, just like the African dance. The technique was used to uncover our deepest feelings, feelings that came out just like lava comes out of Etna. It gave us a better knowledge of each other, giving us the ability to work together as a team and consider ourselves a single being, an entity with more bodies and only one brain. Because of this, non-verbal communication became easier and despite the great differences of culture, language and even the way of living, we overcame this and started to speak the one, simple, international language of the body.Com dell'Int 160

Since we all had this ‘’burning’’ desire to see an active volcano, the mother of the European volcanos, we went to Etna. As the path unfolded before our eyes, we could see the volcanic rocks used as a pavement under our feet, the vegetation among the ashes, the hundreds of craters that punctured the surface of the tormented earth. But the thing that impressed us the most was the Ox Valley. It is hard to describe, because it was not a desert and it was not a jungle. It was a plateau covered in ash, with no life on its surface, with clouds only a few meters above it, like overseers of the volcano. It was silent, not even the wind was blowing and it felt desolate, but had a certain beauty that we will all remember.P1040881

After these daily adventures, we had the nights free. And these nights, we tasted the pieces of each other’s cultures by the means of an International Night, every one showing a national dance, or bringing some food, such as Romanian zacusca, the Sicilian cannoli, but also the stick dance from Egypt, a traditional dance of Burundi, a piece of the Greeks talent of theatre and the malhao-malhao dance of the Portugese. But on other nights, everyone just gathered around a guitar and djembe and just let themselves go, while singing and having a good time. Each person was encouraged to unleash their creativity, some of them, like Tony and Andre, with the drums, some of them, like Cesare with the guitar, some of them, like Alex, with the piano, but everyone offered their little contribution for the entertainment of the group. 

However, the crown of our efforts will be the performance in Nicolosi, when we are going to do a big show of social theatre, to show the people how in 10 days we managed to overcome the differences between us, to tear down the barriers of language and vocal communication. Some of us feel anxious, some of us feel happy, some of us feel the adrenaline, some of feel sad because we are going home, but all of us feel everything and nothing at the same time, because only then you can be able to do a proper show. 

On the behalf of ‘La commedia dell’interculturalita’ we wish you to feel just a little of what we felt and join the effort to make the world a better place for everyone.

Logo_lituania

Si è tenuto dal 16 al 22 maggio 2013 il Training Course Program about Human Rights Journalism – Hate Speech per aspiranti giornalisti, organizzato e gestito dal National Institute for Social Integration di Vilnius con la collaborazione di Mike Jempson, docente presso l’Università di Bristol (UK). Il corso, per la prima volta aperto a studenti stranieri, ha coinvolto venticinque ragazzi di età compresa tra i 19 e i 30, provenienti da Bulgaria, Inghilterra, Italia, Lettonia, Lituania e Spagna, seguiti e coordinati, oltre che dal professor Jempson, da Neringa Jurčiukonytė (direttrice del National Institute for Social Integration), Paulius Valatkevičius e Akvilė Žaromskytė.

L’educazione non – formale, il largo uso di giochi di ruolo, gli allenamenti per il corretto utilizzo del corpo come mezzo espressivo, i lavori di gruppo e i dibattiti sono stati gli elementi principali della metodologia di insegnamento prescelta dagli organizzatori. Gli obiettivi principali del corso consistevano nel pervenire ad una corretta definizione di hate speech e di libertà d’espressione, tracciando differenze e distinzioni tra i due concetti, e di analizzare vari casi di hate speech all’interno dei più diffusi canali di comunicazione, specialmente quando riferiti a categorie sensibili. La settimana di corso è stata scandita da un fitto calendario di iniziative, confronti e lezioni, tenute, oltre che dal professor Jempson, da alcuni ospiti. Il 17 maggio il corso è stato inaugurato da un dibattito di Mike Jempson sull’idea di hatred, non una semplice manifestazione di odio ma una più deleteria sensazione di livore sotterraneo. Il 18 maggio Rūta Ruolytė, un dottorato in scienze sociali in tasca e una lunga fila di esperienze alle spalle, ha proposto un secondo dibattito sull’idea di diversità partendo dalla performance di un ragazzino disabile su Britain’s Got Talent: Jack Carroll, nato nel 1998, soffre dalla nascita di paralisi cerebrale infantile, un disturbo della postura e del movimento che lo ha costretto alla sedia a rotelle; ciò non ha impedito a Jack di conquistare una grossa fetta di audience in veste di comico, ironizzando sulla propria condizione. La verve comica di Jack è innata; l’oggetto del proprio ironizzare è solo una contingenza.

Il pomeriggio è toccato a Jamil Majid, nella duplice veste di corsista e insegnante, trattare il tema delle Logical Fallacies, frequenti nella scrittura giornalistica: partire da argomenti basati su determinate premesse per giungere a conclusioni giudicate logicamente consequenziali ma in realtà totalmente contrarie ad esse.

Il 19 maggio gli studenti del corso hanno potuto scambiare opinioni con Viktor Topol, giovane paraplegico lituano la cui disabilità non ha impedito di diventare campione di body building in patria né di classificarsi terzo al Lithuanian Got Talent Show nel 2009: «la disabilità»,concluderà Viktor, «non sta nelle gambe, ma in testa».

Il 20 maggio Artjom Konohov, conduttore di un programma radiofonico lituano fondato sul giornalismo investigativo, ha esposto le ragioni dell’importanza, ancor oggi, di un mezzo di comunicazione ritenuto spesso superato. La radio genera intimità con gli ascoltatori, e permette di approfondire questioni complesse dove la fissità della carta stampata (anche su schermo) risulterebbe perdente. Non mancano avvertimenti sul dovere alla chiarezza del buon giornalista, sempre pronto a correggere il tiro degli intervistati, magari quelli capaci di confondere consapevolmente pedofilia e omosessualità.

Il 21 maggio il video-documentaristaAudrius Lelkaitis, dopo avere proiettato un significativo documentario sulla vita di una comunità Rom lituana, e sui pregiudizi dei propri concittadini, non ha lesinato rimproveri alle televisioni del proprio paese, sempre pronte a diffondere stereotipi e maldicenze: «se c’è un incidente d’auto, è molto più facile dire: Ooh, era un ragazzo Rom! E poi tutti pensano: Oh, è il ragazzo Rom, che non sa guidare. Di solito guidano ubriachi. Non diciamo, per esempio, il guidatore era russo, perché abbiamo un sacco di automobilisti russi qui, in Lituania. Questo è giornalismo sciatto. È molto più facile usare stereotipi».

La conclusione del corso ha visto nascere un vero e proprio codice di condotta del giornalista onesto, fissato in ventiquattro punti, tra i quali ricordiamo qui: dimostrare la propria umanità; usare argomenti basati sui fatti e non sugli stati d’animo; dire la verità senza paura.

Barbara Distefano
Gherardo Fabretti
Chiara Grasso

journalism_education_programme

di Francesco Avarello e Margherita Carcione

Dove eravate?

Il Trainin course “to Act or not to Act” si è svolto a Cipro, nella capitale Nicosia, l’ultima capitale ancora divisa del mondo, situata nel cuore del mediterraneo a pochissima distanza dalle coste medio-orientali e del sud est europeo. Siamo stati ospitati dall’associazione Politistikò Ergastiri, molto attiva sia in ambito locale che internazionale nel campo della formazione ed educazione non formale.

Chi ha partecipato al seminario?
Il Training ha coinvolto un gruppo di giovani partecipanti di varia nazionalità provenienti da Bosnia-Erzegovina, Cipro, Georgia, Italia, Moldavia, Olanda, Portogallo, Romania, Serbia e Ucraina. I partner che hanno preso parte dell’organizzazione del Trainig sono quotidianamente coinvolti nel campo della promozione della cittadinanza attiva e della mobilità giovanile.

Qual era il tema del seminario?
Principale obiettivo del training è stata l’esplorazione e promozione della partecipazione attiva dei giovani partecipanti in vari campi della vita sociale. Il gruppo ha avuto la possibilità di prendere contatto con le comunità locali al fine di analizzarne i bisogni e comprendere quali siano le varie forme di attivismo necessarie all’avvio di iniziative e al raggiungimento di obiettivi comuni.

Che metodologie avete utilizzato?
Sono state utilizzate tecniche di apprendimento e di educazione non-formale come dibattiti sulla definizione del concetto di attivismo e sui vari metodi necessari per metterlo in pratica, contatti con le comunità locali, attività come l’Open Space, gruppi di riflessione e giochi di relazione interpersonale. Durante le attività si sono formati vari gruppi che hanno cercato di elaborare i contenuti dell’attivismo e uno di questi, che si è occupato della questione greco-cipriota e turco-cipriota, ha dato vita a un sito sul quale sono state pubblicate foto e interviste raccolte sul luogo tra la popolazione locale.

http://reciprocity.altervista.org/

Quali prospettive future?
Dal training course sono emerse molte idee progettuali e una maggiore sensibilità nella percezione dei bisogni della popolazione locale. Sono stati stretti proficui rapporti di collaborazione tra i partecipanti e le associazioni di riferimento al fine elaborare concrete azioni comuni.

di Benoit Leblond

Dal 8 maggio al 12 maggio, si sono tenute a Strasburgo « les rencontres européennes de Strasbourg. »

Il tema centrale del incontro era la cittadinanza attiva, sotto svariate forme prevalentemente insegnamento informale e partecipativo.

Version finale Rencontres européennes de Strasbourg, resoconto

Un incontro che ha visto partecipare una maggioranza di francesi di cui buona parte erano dello staff più che partecipanti (organizzatore del evento Les Francas), le altre nazioni erano Romania, Portugal, Germania, Paesi Bassi, Pologna, Bulgaria, Italia. Tutti coinvoti con associazioni del settore i cui pubblici erano prevalentemente sui 14-30 anni.

Le modalità di lavoro erano di tipo brain-storming e informale, a gruppo seguendo più o meno le prassi del gopp, alcuni punti più formali sarebbero stati graditi da me, ma sarebbe stato diffiile coprire le attese di tutti i partecipanti. Questi ultimi procuravano anche le proprie buone pratiche, il contenuto del incontro è stato fondamentalmente di mettere in contatto gente di talento molto implicata nei propri territori allo scopo di costituire una rette in grado di applicare degli action project cluster comparativi nei diversi territori europei fondendo, strada facendo ; qualcosa che corrispondi di più alle dimensioni geografiche europee.

Un tempo forte del progetto è l’agorà che si tiene il Giovedi, 9 Maggio

nella prestigiosa Borsa di Strasburgo. Questo è il punto culminante del Forum europeo. E ‘aperto al pubblico, permette di promuovere un progetto caro al cuore della vostra associazione! Ho avuto l’occasione di intrattenermi con Catherine Trautmann, la quale mi ha detto che i fondi stanziati alla Sicilia non erogati per cattivà amministrazione saranno riassegnati al fondo per la stabilità economica, le ho fatto presente che le piccole strutture e ONG locali sono le sole valide strutture alle quali attribuire i fondi, siccome le nostre amministrazioni non sono nemmeno in grado di canalizzare i introiti che vorrebbero anche dirottare.

L’Agorà? Che cos‘è?

Version finale Rencontres européennes de Strasbourg, resoconto

E ‘un tempo-spazio dedicato alla presentazione e a la condivisione di una attività o iniziativa che voi (o la vostra organizzazione) portate avanti intorno alla cittadinanza (europea e non).

Attenzione, non è quello di presentare la vostra organizzazione, ma per promuovere un progetto specifico che darà nuove idee / strumenti di azione e di stimolare il dibattito e la riflessione tra i partecipanti. L’obiettivo del progetto Agorà è quello di dare visibilità alle azioni che si sviluppano. Si tratta di un attività che si svolge con i giovani, azione specifica, progetto educativo riguardo l’Europa, incontro interculturale con dei bambini, un iniziativa di parteipazione alla vità cittadina locale… : una buona pratica. Modestamente, la qualità e l’impatto della mostra fotografica della carovana anti-mafia e il tanto materiale messo a mia disposizione da Lilit hanno permesso di allestire uno stand tra i più belli in grado di restituire le svariate attività svolte dalla nostra frazione dell Arci.

Ho colto l’occasione della mostra per presentare attività specifiche al nostro territorio tra le quali il sostegno al movimento No muos, l’accoglienza della carovana anti-mafia e l’accoglienza e l’orientamento dei migranti, illustrato con le fiacolate per i loro diritti infine le attività svolte nei quartieri. Da valorizzare il ruolo delle immagini che permettono al pubblico di farsi un idea veloce che non richiede una spiegazione o una traduzione.

Siccome i stand erano disposti a binomi, ho avuto la fortuna di trovarmi insieme a Matteo del Arci di Chieti, che lavora come educatore pedagogista a Bologna ed è un elemento abbastanza importante del’Arci di Chieti. In particolare, è emersa la possibilità di un gemellaggio tra il nomuos e i movimenti abruzzesi opposti al annientamento delle riserve naturali conseguente ai progetti di trivelazioni validati da Monti alla vigilia della sua partenza. Ritornerò a parlare di Matteo ulteriormente riguardo i action projects.

Gli altri stand sono state tante opportunità di ispirazione e di sviluppo di idee di attività tra le qualli i giochi sull identà e sulle identità, l’educazione alla cittadinanza attraverso giochi da tavola nei quali si organizzano e si dispongono i quartieri e le istituzioni nelle città, educazione al consumo reponsabile, iniziazione alla filosofia alle elementari! Distribuzione di badges raffiguranti il triangolo rosso dei prigionieri politici nei campi di concentramento. Molti partecipanti lamentano la difficoltà nel lavorare con adolescenti intorno ai 14 anni in particolare con temi responsabilizzanti e diffusi, istituzionali o civici, per cui sembra opportuno mirare a pubblici di età inferiore ai 12 o superiore ai 16 su questa precisa tematica.

Tra gli incontri istituzionali interessanti, Mathieu Kahn Adjoint al sindaco di Strasburgo per la vità associativa, la gioventù e i centri-socio-culturali, alla lotta contro le discriminazione, al’animazione urbana, artefice di un forum della giovinezza destinato a che i giovanni possano esprimere un avviso sui orientamenti della politica urbana, ottenere un voto nei consigli communali che li riguardono, vivere e esperimentare sulla propria pelle la democrazia, lasciandogli perfino l’accesso alla contabilità per controllare ! Interessante la publicità che ricopia l’ionografia di Matrix per evvidenziare uno scontro inevitabile che può finalmente essere agirato nell confrontarsi e parlarne in un senso di uguaglianza.

Dopo tre giorni di dibattiti, laboratori, condivisione delle migliori pratiche e di analisi, i partecipanti sono riusciti a finalizzare gli esperimenti destinati allo studio in situ dell’educazione alla cittadinanza locale e alla cittadinanza europea.

I gruppi sono stati elaborati con una preferenza per il trans-europeismo per dare una reale dimensione europea alla ricerca-azione di uno studio ambizioso e disposto in rette, che intende costituire dei gruppi eterocliti che si dividono le aree di ricerca secondo le action-research seguenti

definite e sviluppate su 24 ore dai partecipanti tramite schede e post-it:

-Cooperazione tra formale e non formale

-Competenze e formazione per animatori e educatori

-Mancanza di conoscenza dell’Unione europea

-Pregiudizio, stereotipi e discriminazioni

-Continuità del progetto e della partecipazione

-I metodi di educazione non formale

Il meglio della mia attenzione si è portato su « Mancanza di conoscenza dell’Unione europea » conformamente all interesse che avevo manifestato per partecipare alle rencontres, cioè il fatto che faccio il project manager in un progetto del programma european citizenship 2013, azione 1 misura 2,1 che però non si fa con l’Arci. Con questo gruppo sono stato abbastanza fortunato perché le competenze dei partecipanti si completano perfettamente, siamo infatti un adetta stampa communicazione e relazioni internazionali di Enna, una francese specializzata nell applicazione dei protocoli di action research e di ricerche applicate, uno studente e una studentessa che seguono un corso di scienze politiche sulle istituzioni europee, infine, io che faccio da project manager e da coordinatore, ed eventualmente da interprete per i incontri di personna, la lingua di lavoro è il francese, seconda lingua inglese.

In seconda parte, la mia attenzione si è portata su Competenze e formazione per animatori e educatori che coinvolge l’italiano Matteo di Arci Chieti, insieme ad una maggioranza di francesi dei Francas di tre diverse frazioni sono in 5, due portughesi e e un rumeno. Pur non avendo avuto tanta possibilità di esaminare il loro progetto, sono a disposizione per aggiornamenti sullo stato del action, mantenendo il contatto con Matteo al quale ho accenato che Arci Catania potrebbe volersi inserire nel progetto.

« Non c’è dubbio che le ipotesi saranno esaminate con attenzione e possibili risposte testati e analizzati! I gruppi di lavoro sono a seguire da vicino! »

Scommetiamo insieme ai Francas sulle capacità a seguire, communicare e esperimentare in modo concertato scoprendo i metodi e le prassi necessarie per poter mettere in atto la programmazione, la coordinazione, la concertazione e il rispetto di scadenze per attori di diverse lingue e culture già questo è dare una dimensione europea alla cittadinanza. Non sarà sempre facile, essi sono infatti impegnatissimi in svarriate attività, la cui precarità e spesso poca retribuizione non consentono un assiduità sempre adeguata. Facciamo del nostro meglio con spirito positivo.

di Chiara Buccheri, Federica Frazzetta e Cesare Trentuno.

Dove eravate?

Il seminario Intercultural and Democracy-Learning in Europe of Diversity ha avuto luogo a Bad Bevensen, una piccola cittadina di circa 8.000 abitanti, ad un’ora di treno da Amburgo, nel nord della Germania. Siamo stati ospitati dal Gustav Stresemann Institut, una fondazione che si occupa di formazione, educazione non formale, e che ha organizzato ed implementato il seminario.

Chi ha partecipato al seminario?

Al training sono intervenuti diversi partners europei, che si occupano di minoranze e politiche giovanili. Hanno partecipato in maggioranza organizzazioni tedesche, due associazioni francesi, una croata, una ungherese e una rumena, oltre all’Arci Catania per l’Italia.

Qual era il tema del seminario?

Attraverso il seminario abbiamo tentato di dare una definizione del concetto di “cultura” e trattato le tematiche della diversità e dell’alterità. Particolare enfasi è stata data alla condizione delle minoranze (etniche, culturali, linguistiche etc.) in Europa, come ad esempio quella ROM all’interno del contesto tedesco ed ungherese, a cui si è fatto particolare riferimento. Si è affrontato inoltre il tema della risoluzione dei conflitti umani ed è stato infine riservato uno spazio alla progettazione in seno al programma Youth in Action.

Che metodologie avete utilizzato?

Da un lato è stata utilizzata la modalità classica dell’apprendimento formale, attraverso piccole lezioni frontali e conferenze; comunque veniva richiesta la partecipazione attiva dei presenti ai dibattiti. Un esempio è la visita di Christian Wolpers, che si occupa della minoranza ROM in Germania (denominata Sinti), il quale ci ha parlato della condizione dei ROM durante il periodo nazista. A seguito del suo intervento, un’attività collettiva ha permesso ai partecipanti di condividere col gruppo le proprie riflessioni ed esperienze sull’argomento.

D’altro canto sono state utilizzate diverse pratiche di apprendimento non formale, come giochi di ruolo e simulazioni, finalizzate ad acquisire le tematiche trattate attraverso l’esperienza diretta. Un’attività realizzata con le carte da gioco, il “Casino of Encounters”, ci ha permesso di affrontare la tematica dell’ambiguità e della cooperazione tra gruppi; un gioco di ruolo come quello degli “Albatros” ci ha posti di fronte all’interpretazione dei diversi sistemi di significato creati dalle culture e all’influenza degli stereotipi sulla nostra percezione della realtà.

Quali prospettive future?

Attraverso il seminario abbiamo acquisito una metodologia di lavoro differente e soprattutto incontrato altre realtà associative con cui vorremmo collaborare in futuro.

Alla fine del seminario abbiamo avuto la possibilità di elaborare insieme delle idee progettuali condivise.

Dove eravate?

Il Training course “Supervolunteer – intercultural voluntary mission Training course” si è svolto a Catania, in Sicilia, nel giugno dell’anno scorso nella cittadina etnea di Nicolosi alle pendici dell’Etna. Siamo stati tutti ospiti dell’Arci Catania, di cui sono membro, associazione molto attiva in ambito locale e soprattutto nel campo della formazione linguistica e dell’integrazione degli immigranti con la comunità locale.

Chi ha partecipato al seminario?

Al training hanno partecipato una ventina di giovani di diversa nazionalità provenienti da Italia, Portogallo, Moldavia, Polonia, ….

Tutti i partners coinvolti sono associazioni attive nel campo della mobilità giovanile, nella protezione ambientale e della promozione della cittadinanza attiva e partecipata.

supervolunteer1

Qual era il tema del seminario?

Focus del training è stato il concetto di volontariato internazionale, durante i sette giorni di attività abbiamo avuto la possibilità di analizzare il concetto in oggetto, di confrontarci sul suo significato fino ad arrivare ad una comune definizione del “volontario europeo”. Durante il training abbiamo anche preso contatto con la comunità locale di Nicolosi con la quale abbiamo avuto modo di confrontarci in merito al significato ed al valore che essi attribuiscono alle attività di volontariato nelle sue più varie forme.

Che metodologie avete utilizzato?

Le metodologie e le tecniche di apprendimento impiegate sono state quelle tipiche dell’educazione non-formale quali giochi di ruolo, dibattiti, gruppi di riflessione e contatti con le comunità locali, grazie alle quali abbiamo potuto approfondire ed analizzare il concetto di volontariato internazionale.

supervolunteer

Quali prospettive future?

Il training course che ho frequentato è stato molto importante per me in quanto è stata la mia prima esperienza nell’ambito di YiA ed in quanto mi ha dato le motivazioni giuste per continuare ad impegnarmi in modo attivo nel terzo settore.

Sono passati già dieci anni da quel lontano 2002, anno in cui l’Arci di Catania ha ospitato per la prima volta dei volontari stranieri e inviato volontari italiani all’estero nell’ambito del Servizio Volontario Europeo, azione del programma comunitario Gioventù oggi Gioventù in Azione.

Anno dopo anno i volontari stranieri hanno dato un contributo essenziale e linfa vitale alla vita associativa dell’Arci di Catania: in tutti questi anni anche grazie a loro siamo riusciti a sviluppare nuove idee per le attività di inclusione sociale , promozione dei diritti e dialogo interculturale che sono al centro della nostra azione sul territorio catanese.

Arci Catania è stata inoltre una grande promotrice dello Sve nel territorio e ha contribuito ad inviare decine di volontari siciliani, impegnati in progetti Sve su svariati temi realizzati con partner in oltre 15 paesi dell’Unione Europea, del Sud Est Europa e del Caucaso. Molti di questi ex volontari SVE al loro rientro in Italia hanno deciso di impegnarsi in attività di volontariato o nell’impegno associativo, tutti sicuramente hanno “portato a casa” nuove competenze e abilità utili per la loro crescita personale quali cittadini consapevoli e per il loro futuro professionale.

Quest’anno l’Arci di Catania ha deciso di celebrare questo decimo anno di attività dedicando una giornata intera allo Servizio Volontario Europeo e al suo decimo anno come organizzazione di invio e accoglienza.

Mercoledì 6 giugno 2012 dalle ore 18:00 presso il Cortile CGIL via Crociferi, 40 Catania si susseguiranno diverse attività all’aperto come proiezioni di video/testimonianze di ex volontari, video/interviste ai giovani catanesi sulla conoscenza dello SVE, concorso fotografico per scegliere l’immagine di una post-card per la promozionale dello SVE e tante altre attività promozionali e si concluderà con musiche e danze fino alla mezzanotte.

Dalle 21:00 concerto con DAVIDE DI ROSOLINI + DIRTY DUCK + DJset.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.